Sab05272017

Last updateMer, 24 Mag 2017 5pm

Back Sei qui: Home Leggere e vedere Pubblicazioni di settore Le nuove dipendenze

Pubblicazioni di settore

Le nuove dipendenze

dip_quaderni

Pubblicato il nuovo Quaderno Cesvot "Le nuove dipendenze -Gioco, internet, shopping compulsivo: dati, esperienze e storie di vita", scaricabile gratuitamente dal sito del Cesvot.

... Fino a qualche anno fa le 'dipendenze' erano quasi esclusivamente associate all'abuso di sostanze. Oggi, invece, si parla sempre più di "nuove dipendenze" per definire alcuni comportamenti o abitudini, spesso legati a contesti socialmente accettati, dei quali non possiamo fare a meno: lo shopping, il gioco, internet, sono solo alcuni esempi.

 

Scarica la pubblicazione dal sito del Cesvot

Nel volume "Le nuove dipendenze. Analisi e pratiche di intervento", pubblicato da Cesvot e a cura di Valentina Albertini e Francesca Gori (Cesvot, "I Quaderni", n. 52, luglio 2011, 185 pp.), una approfondita e aggiornata analisi del fenomeno ma anche esperienze di intervento e prevenzione realizzate grazie all'impegno sinergico di associazioni, gruppi di auto-aiuto e servizi territoriali. Infine storie, racconti e testimonianze.

Il volume si sofferma in particolare sulle tecnodipendenze e le dipendenze da gioco, sesso e shopping, nonchè sulle strategie di intervento e prevenzione che è possibile attivare, soprattutto in ambito giovanile. Quasi mezzo milione di italiani, infatti, è affetto da dipendenza da gioco e cresce la quota dei giovani tra 15 e 19 anni. Questo l'identikit del giocatore patologico: maschio (78%), single, tra i 30 e i 40 anni, ha spesso almeno un genitore con problemi analoghi.

 

Gli uomini sono anche i più colpiti dalla dipendenza da sesso (3-5% della popolazione), mentre le donne sono più spesso affette da shopping compulsivo, in particolare tra i 23 e i 31 anni. In forte aumento le tecnodipendenze, in particolare quelle legate ad internet: si stima che siano a rischio il 10% dei navigatori. I giovani i più esposti (13%), soprattutto se maschi tra 11 e 14 anni.

Dati preoccupanti che negli ultimi anni hanno portato alla nascita di gruppi e associazioni e ad una maggiore collaborazione tra volontariato e servizi pubblici soprattutto sul fronte del gioco patologico, come evidenziano anche le esperienze pubblicate nel volume. In particolare il volume presenta i risultati del progetto di ricerca e sensibilizzazione "Scommetti che t'impegni", che ha coinvolto 511 studenti fiorentini, e le esperienze maturate dai gruppi di auto-aiuto in Toscana e Trentino. In Italia si stima – ma è un numero in difetto – che siano oltre 50 i gruppi di auto-aiuto sulle nuove dipendenze, in gran parte dedicati al gioco patologico. In Toscana l'Associazione Giocatori Anonimi ha 5 gruppi di auto-aiuto tra Firenze, Livorno e Grosseto.