Contributi Chiesa Valdese (scad 25-1-2021)

La Chiesa Evangelica Valdese concorre, come altre confessioni religiose, alla ripartizione dei fondi Otto per Mille IRPEF e ha scelto di destinare tutti i contributi ad essa spettanti esclusivamente al sostegno di interventi sia in Italia che all’estero.

TIPOLOGIE DI INTERVENTI

Le richieste di finanziamento possono essere presentate sia per interventi da realizzare sul territorio italiano (Progetti Italia) sia per progetti da implementare all’estero (Progetti Internazionali). I progetti devono essere ricompresi in una delle seguenti categorie di intervento:

Progetti Italia

Interventi sanitari e di tutela della salute: miglioramento qualità di vita, servizi di accompagnamento e cura, prevenzione;
Promozione del benessere e della crescita relazionale, emotiva e cognitiva di bambini e ragazzi;
Attività culturali: favorire l’accesso al patrimonio culturale e la produzione di beni dal valore scientifico, artistico e divulgativo;
Miglioramento delle condizioni di vita di soggetti affetti da disabilità: autonomia, socializzazione, partecipazione; supporto alle famiglie;
Accoglienza e inclusione di rifugiati e migranti: promozione di politiche di accoglienza e integrazione, servizi di assistenza; formazione, accesso al mercato del lavoro;
Contrasto alla povertà, al disagio sociale e alla precarietà lavorativa: contrasto a marginalità, precarietà socio-economica e lavorativa;
Anziani: favorire il benessere psico-fisico e relazionale attraverso programmi di accoglienza, assistenza e socializzazione;
Educazione alla cittadinanza: promozione del dibattito su temi di rilevanza sociale ed etica, promozione della cittadinanza attiva, contrasto all’hate speech, intolleranza e discriminazione;
Prevenzione e contrasto della violenza di genere: prevenire e contrastare ogni forma di violenza di genere attraverso programmi di counseling, supporto psicologico, assistenza legale ed empowerment economico e sociale;
Recupero e inclusione di detenuti ed ex detenuti: migliorare il benessere psico-fisico dei detenuti e favorire i percorsi di inclusione e re-integro nella società;
Tutela dell’ambiente: sensibilizzazione, tutela del patrimonio ambientale e promozione di stili di vita alternativi.

Progetti estero

Lotta alla malnutrizione: autosufficienza alimentare, igiene alimentare, programmi di distribuzione;
Promozione del ruolo delle donne e uguaglianza di genere: contrasto alla discriminazione; accesso ai servizi; rafforzamento del ruolo delle donne nella società;
Accesso all’acqua e igiene: disponibilità e gestione sostenibile; approvvigionamento idrico; educazione;
Partecipazione, dialogo, Governance e diritti umani con particolare riferimento a minoranze etniche, religiose e linguistiche; supportare il mantenimento della pace e la prevenzione dei conflitti; pace e prevenzione dei conflitti;
Protezione dell’infanzia: recupero e reintegrazione sociale; lotta a lavoro minorile, sfruttamento sessuale, etc; formazione per operatori;
Educazione: alfabetizzazione di base di adulti e bambini; istruzione primaria e secondaria inclusiva con riguardo al target femminile e categorie vulnerabili (diversamente abili, indigeni, orfani, etc);
Formazione professionale e attività generatrici di reddito: formazione professionale e sul lavoro; tirocini e borse di studio;
Tutela dell’ambiente: biodiversità; contrasto alla desertificazione; gestione rifiuti e sistemi eco-sostenibili per lapprovigionamento energetico;
Sviluppo rurale e sicurezza alimentare: autosufficienza comunità locali; miglioramento qualità produzioni e commercializzazione alimentari;
Interventi sanitari e di tutela della salute: dotazione medicine e vaccini; acquisto attrezzature, costruzione strutture; programmi di screening e cura; assistenza per anziani e soggetti con disabilità;
Aiuto umanitario – emergenza: primo soccorso e ripristino servizi primari; ricostruizone, riabilitazione tessuto sociale, resilienza in constesti di perdurante instabilità.

SOGGETTI AMMISSIBILI

Possono essere destinatari dei contributi, ovvero soggetto capofila dei progetti:

Enti facenti parte dell’ordinamento metodista e valdese;
Organismi Associativi italiani o stranieri (es. Associazioni, Comitati, ONG e Cooperative Sociali di tipo A/B purché il finanziamento richiesto sia usato per finalità assistenziali, umanitarie e culturali e comunque non per attività lucrative);
Organismi ecumenici italiani o stranieri.
N.B. Il soggetto capofila deve essere costituito da più di 2 anni, ovvero essere in grado di produrre i bilanci 2018 e 2019, con nota integrativa e/o relazione sulla gestione e relativi verbali di approvazione.

La proposta progettuale potrà essere presentata in partnership con altri enti e potranno essere indicati altri soggetti coinvolti nell’intervento:

i partner operativi sono quei soggetti che partecipano alla ideazione e realizzazione dell’intervento, o a parte di esso, implementando specifiche attività e/o amministrando insieme all’ente proponente il budget (se enti pubblici possono intervenire solo nella realizzazione delle sttività, senza sostenere spese imputate al finanziamento 8xmille);
gli altri soggetti coinvolti: gli enti (appartenenti al terzo settore, enti pubblici o amministrazioni locali, etc) coinvolti nel progetto che non partecipano operativamente alla realizzazione delle attività, non amministrano quote di budget, ma concorrono, a volte in maniera determinante, al buon andamento dell’iniziativa
I soggetti che concorrono all’iniziativa esclusivamente attraverso un finanziamento non sono da considerarsi partner o altri soggetti coinvolti, bensì co-finanziatori.

N.B. Nella circostanza in cui dall’analisi della Richiesta di Finanziamento emergano partner operativi e/o altri soggetti coinvolti non individuati come tali dall’ente capofila e dei quali non sia stata allegata la documentazione richiesta, la Richiesta di Finanziamento sarà considerata incompleta e non ammissibile.

Vai sul sito per saperne di più

I bandi delle FoB

 

acri

Le Fondazione erogative