Adesione nuovo Stato membro (criteri di Copenaghen)

NaN
Ogni paese che presenta la propria candidatura per aderire all'Unione europea (UE) è tenuto a rispettare le condizioni previste dall'articolo 49 ed i principi di cui all'articolo 6, paragrafo 1, del trattato sull'UE. In tale contesto, alcuni criteri sono stati definiti in occasione del Consiglio europeo di Copenhagen, nel 1993, e successivamente migliorati in occasione del Consiglio europeo di Madrid nel 1995. \r\nPer aderire all'UE, un nuovo Stato membro deve ottemperare a tre criteri distinti: \r\n- il criterio politico: la presenza di istituzioni stabili che garantiscano la democrazia, lo stato di diritto, i diritti dell'uomo, il rispetto delle minoranze e la loro tutela; \r\n- il criterio economico: l'esistenza di un'economia di mercato affidabile e la capacità di far fronte alle forze del mercato e alla pressione concorrenziale all'interno dell'Unione; \r\n- il criterio dell'"acquis comunitario": l'attitudine necessaria per accettare gli obblighi derivanti dall'adesione e, segnatamente, gli obiettivi dell'unione politica, economica e monetaria.Affinché il Consiglio europeo possa decidere di aprire i negoziati, deve risultare rispettato il criterio politico. \r\nPer poter aderire all'Unione ogni paese deve pertanto rispettare i criteri di adesione. La strategia di preadesione e i negoziati di adesione definiscono il quadro in cui operare e gli strumenti necessari
Livello: Avanzato
Area: Trasversale: Legislazione nazionale ed europea
Fonte 1: EUROPA GLOSSARIO
Link 1: Link al sito

Glossario

Questo Glossario è stato possibile grazie a:

  • Ilaria Baroni  - ricerca
  • Danilo Sordelli - database

si ringrazia inoltre il CESVOT che ha permesso la sua pubblicazione anche su questo sito.