Un film di Alessandro Comodin che narra con leggerezza, semplicità e compostezza la storia d'amore e di iniziazione alla vita adulta di Giacomo, rimasto sordo da piccolo. Tra gli altri riconoscimenti il Locarno Film Festival 2011 - Pardo d'oro Cineasti del Presente - Premio George Foundation, Svizzera

Siamo nella campagna friulana. È estate. Giacomo, diciotto anni, rimasto sordo da piccolo, e Stefania, sua amica d’infanzia, sedici anni, vanno al fiume per un picnic. Come in una fiaba incantata, si smarriscono nel bosco per ritrovarsi in un posto paradisiaco, soli e liberi, durante un pomeriggio che sembra durare il tempo di un’estate. Un apprendistato dei sensi: non ci si tocca, eppure si è tutti pelle, respiro e soffio. La sensualità accompagna i giochi da bambini, finché Stefania e Giacomo non sentono che l’avventura, che hanno appena vissuto, non è altro che un ricordo dolceamaro di un tempo perduto.
Una storia d‘amore e d’iniziazione alla vita adulta, dove il presente si mescola al ricordo e il passato risorge con la chiarezza e lo stupore della prima volta. I ricordi non sono solo ciò che ciascuno di noi porta in sé e che improvvisamente ritrova. "Sono anche vere e proprie scoperte. Bisogna sapere che noi non vediamo mai le cose una prima volta, ma sempre la seconda. Allora le scopriamo e insieme le ricordiamo" (Cesare Pavese, "Stato di Grazia" in Feria d'agosto, 1946).

vai al sito

Uomini soli

 Il film documentario "Uomini soli" di Attilio Bolzoni e Paolo Santolini racconta la storia di quattro uomini che, con il loro sacrificio nella lotta alla mafia in Sicilia, hanno cambiato la storia dell'italia.

L'estate di Giacomo

Entre

Un film di Paolo Benzi in una unità di Psichiatria Infantile

Video: Dire, fare, cambiare

In questo video le testimonianze dei ragazzi e degli operatori che hanno partecipato al progetto “Officina dell’IO-dire, fare, cambiare” (luglio 2014-luglio 2016).