La bocca del lupo di Pietro Marcello è opera essenziale, documentario-non-documentario poetico e bellissimo che prende le mosse da un'idea della Fondazione San Marcellino, gesuiti che da anni assistono le comunità di emarginati e indigenti della città ligure.

 

Ad "avventurarsi" è Pietro Marcello, che approda a Quarto dei Mille scortato dal ricordo del romanzo verista di Remigio Zena e poco a poco si addentra nei vicoli, osserva, non giudica, condivide e, con questo passo, lucido e discreto ma anche libero ed evocativo, arriverà fin dentro la casa dei suoi personaggi.
Il movimento della narrazione è lo stesso: dalla fotografia corale dei genovesi di ieri e di oggi si stringe su Enzo, emigrato siciliano, e Mary, conosciuta in carcere, nella sezione dei transessuali, alla quale Enzo si è legato da vent'anni, sostenuto dal sogno comune di una casetta in campagna. Per Mary, Enzo è apparso da subito una bellezza da cinema, uno che poteva fare l'attore, in quei film western –suggerisce il montaggio- che non solo non si fanno più ma dei quali è scomparso anche l'immaginario dedicato.
La verità, direbbe Zena, è che questa è una storia di vinti e di ambizioni non soddisfabili, di gente destinata a finire sempre "nella bocca del lupo": è così che, prima della casetta con l'orto e il camino, Enzo si è fatto quattordici anni di prigione e Mary lo ha aspettato e ora possono raccontarsi alla videocamera, come una vecchia coppia, dividendosi le frasi, dandosi ragione per amore e per pazienza.

vai al trailer sul sito ufficiale

Uomini soli

 Il film documentario "Uomini soli" di Attilio Bolzoni e Paolo Santolini racconta la storia di quattro uomini che, con il loro sacrificio nella lotta alla mafia in Sicilia, hanno cambiato la storia dell'italia.

L'estate di Giacomo

Entre

Un film di Paolo Benzi in una unità di Psichiatria Infantile

Video: Dire, fare, cambiare

In questo video le testimonianze dei ragazzi e degli operatori che hanno partecipato al progetto “Officina dell’IO-dire, fare, cambiare” (luglio 2014-luglio 2016).