posteFinalmente, nella G.U. n. 42 del 21 febbraio 2011, è uscito il decreto del Ministro dello Sviluppo Economico che reintegra le agevolazioni per il non profit sulle tariffe postali.Le agevolazioni previste nel decreto, anche se più basse rispetto a quelle in vigore prima del 2009, prevedono uno sconto significativo sul costo pieno.

Ad esempio, per l'invio di stampe promozionali e propagandistiche sotto le 2.000 copie, lo sconto passa dal 73.5% del 2009 al 61% di oggi, rispetto alle tariffe piene.
Resta però il nodo dei fondi stanziati per applicare le agevolazioni e quindi l'accesso effettivo a queste: le risorse sono passate da 50 milioni a 30 milioni di euro, del tutto insufficienti rispetto al numero di invii che le organizzazioni effettuano. Il rischio reale è quello che i fondi valgano per tre, quattro mesi al massimo, come abbiamo visto all'inizio del 2010 quando i 50 milioni sono stati esauriti ad aprile.

"Chiediamo al Governo di fare quanto necessario per superare il limite del 31 marzo come già previsto nel Milleproroghe. Di fronte al prevedibile esaurimento dei fondi, dobbiamo sollecitare le Istituzioni affinché individuino ulteriori risorse da spendere sulle agevolazioni postali per tutto il 2011. Le associazioni saranno comunque costrette ad ingegnarsi per fare economia, individuando strategie comunicative "alternative", più efficaci e meno costose – conclude Marco Granelli.

Tutto il sistema dei CSV, anche in questo caso, proseguirà nella propria attività di sostegno e informazione a tutte le associazioni.

scarica tabelle tariffe.